Cavalli e somari

55

Quanno che vojo fà bella figura,
ner senzo de spacciamme pe «rudito»,
sverzo quarche vocabbolo «forbito»
e passo pe un gran pozzo de curtura.

Lo faccio senza un’ogna de paura,
perché a ’sto monno tanto arimbambito
se guarda più a l’aspetto incivilito
che a come cià creato la natura,

la quale, de sicuro pe dispetto,
e questo ormai nun posso più accettallo,
me fa mischià la lingua cor dialetto.

E propio in quer momento me viè chiaro
ch’è inutile er nitrito der cavallo
si esce da la bocca d’un somaro.