È mejo esse chiari

Babbuccio, caro Peppe, nun se tocca e questo hai da capillo chiaramente, perché nun sei l’oracolo vivente e l’antri, invece, tutta gente sciocca. Piuttosto dimme un po’ chi...

Difenno un timido

Si Babbucetto Rosso nun risponne, intervenisco a faje da avvocato in quanto Martufoni m’ha stufato co tutte ’ste mazzate furibbonne. Nun so si fa sur serio o se...

Ar dialetto chiacchierone

Datosi che tu chiacchieri un po’ troppo, sibbè co la dovuta discrezzione, si tratti Babbuccetto co le bone, ne devi convenì che prima o doppo, senza volello, trovi...

Er governo ombra

L’idea der governicolo pupazzo che trama a l’ombra, tale a un carbonaro, me pare la rajata d’un somaro che serve solamente da schiamazzo. Come si chi sta fora...

T’aspettamo, Babbuccè

A Babbuccè, un sonetto così ardito nu’ l’ho mai letto e guarda, so’ sincero: dimostra un certo spirito gueriero; ma quarche verzo è troppo imprezziosito. Noi semo gradiatori,...

Babbuccio se presenta

Egreggi e pregiatissimi signori, io sottoscritto Spigoli Francesco, «Babbuccio» in arte, stampo satiresco, vorei fà parte de li gradiatori. Immezz’a voi, così abbili scrittori, io stesso, che scribbacchio in...

Prego, entrate, sor Zagaja

Ma certo che se pò. Ve prego, entrate! Sete er Zagaja? Embè, tanto piacere. Sete un poeta oppuro un dispenziere de verzi cionchi da pijà a torzate? Qui...

L’inzogno de Peppe er Greve

Guarda che stai a pijà ’na cantonata: io nun ce l’ho co te ma co Babbetto, quer fregno che ner campo der sonetto ar massimo pò scrive...

Er Trio Monnezza

Zagaja, sora Peppa e Martufoni: ecchete paro paro er Trio Monnezza! Tre fregni da tené co la capezza demodoché se possino stà boni. Nun se pò dì che...

Er nimmico è… Greve

Fra li tanti nimmichi che ce stanno chi me procura strappi a le budella, eppoi me fa venì la cacarella, è Peppe er Greve, ossia Peppe er...