4.2 C
Roma
venerdì, Ottobre 30, 2020

La frana de la giustizzia

Fra li crolli successi ar palazzaccio quello che un tempo fece più impressione fu quanno che cascò giù lo spadone de la giustizzia addosso a un poveraccio. Ma...

Varda si che raggione!

– Si tu’ moje cià poca ducazzione, te compatisco propio, fijo caro; ma tu nun te fà vedé pecorone, ché allora nun ce metti più ripparo. Presempio, si...

Sfogo d’un servitore

Me succedeno belle! Ce scommetto che te farai tu puro maravija. Oggi nun me voleva caccià via? Perché? Per avé scritto su un fojetto. Ma senti: lei cià...

L’ingresi de piazza Montanara

Chi tiè ’na farce, chi ’na gran furcina, chi cià li sacchi e chi le cazzarole, le cuperte e magara le lenzole, chi un ombrellone e chi...

Er matrimonio de còre

Rimasti soli, lei co’ lo sposetto E che la compagnia se n’era annata, quasi piagnenno, pòra ciorcinata, fece ar marito: – Sentime, Righetto: inzino adesso nun t’avevo detto che...

Amore bello

Amore bello, che me lusingate e intanto soridete a questo e a quello; amore bello, che me disprezzate e me trattate come un giocherello; amore bello, che me...

Martire

Senteme, Toto, nun me strazzià ancora de più de quello che nun so’ strazziata. Ch’ho fatto p’èsse tanto disgrazziata, per avé ’sto martirio che m’accora? Toto, èsse bòno!...

Che grancio!

P’un vicolo, vicino a casa mia, ier sera pedinavo ’na picchietta che, avvorta in d’uno scialle, via via scappava avanti senza damme retta. Io seguitavo a dì: –...

La loggica der padron de casa

So’ stato a baccajàne dar padrone de casa che, lo sai, m’ha ricresciuto. Avessi visto co’che suggizzione, Peppe, quell’omo lì m’ha ricevuto! – Lei – dice – avete...

La sonnambula

– Signori, pe’ du’ sordi io ve so dire Tutti quanti li vizzi e le virtù: io conosco ir passato e l’avvenire, tutto quello ch’è stato e...