24.7 C
Roma
lunedì, Settembre 28, 2020

Conzijo d’amico

– Senti, – me fece Peppe dell’Armata – tu me sei amico e m’hai da dà un conzìo. Tre mesi fa me scappò via mi’ fìo e...

Furto continuato

Maledetta quell’ora e quer momento che zompai sopra ar tramme a Porta Pia; mo nu’ lo proverebbe ’sto tormento ch’è er fastidio più granne che ce sia! E...

Caterinona

– So’ de giardino tenere! – strillava forte er mannolinaro, e: – Caterina ha ingrossato le chiappe! – E camminava lesto lesto pe’ piazza Barberina. ’Na villana davanti...

Er budello der sor Giuanni

Freghelo, er sor Giuanni, che budello! E ’ndove j’arisponne er chiavicone? N’ho visti tanti, ma er magnà de quello basterebbe a sazzià venti persone. Abbasta a dì che...

Bacio de mamma

Dico la verità, stavo avvilito; doppo una sbiossa simile, chi è quello che nun se sente rivortà er cervello e tutto quanto er corpo indebbolito? A stà bene...

Er monumento a Cola

Quanno che ieri agnedi a Campidojo a fà caccià le carte pe’ Vincenzo, viddi in mezzo ar giardino, su ’no scojo, la statuetta de Cola de Rienzo. C’era...

Un ballo de socetà

– Permettete ’na pòrca, signorina? – Io ballo poco. – Embè, nu’ je fa gnente; annamo, via, ché mamma lo consente; faccio pe’ faje fà ’na giratina. –...

La povesia

Si vòi sapé ched’è la povesia da’ ’na sgamata drento ar dizzionario: te spiega ch’è una musica, è armonia, è svolazzà in un monno immagginario su l’ali d’oro...

Natura e arte

Ciò una ragazza io ch’è una bellezza e se pò dì ch’è fatta a perfezzione. Lei cià bon peso, cornicione, artezza e cià l’occhi più neri der...

Li lamenti der somaro

Se lagnava un somaro: – So’ jellato; so’ stato rivennuto a certa gente che si me stanco nu’ je frega gnente: e quante bastonate m’hanno dato! Penzà che...