13.6 C
Roma
venerdì, Ottobre 7, 2022

Le cinquecento lire d’argento

Alegri tutti quanti, ché ar momento s’incomincia a riccoje er seminato! Fra poco se vedrà e’ risanamento che riguarda le casse de lo Stato. A ottobre sortirà fora...

Monte Cavo

Quanno l'òmo vestiva co' le pelli, qui c'era l'acqua morta fra le sérve indove ce ruzzaveno le berve: nun c'ereno pe' gnente li Castelli. Ma un giorno, sarv'ognuno,...

Te n’aricordi ?

Me dicessi accusì: – Fior de mortella, perché me state co’ ’sta faccia gialla e me venite co’ ’sta tremarella? – E io lì...

Si fussi ’na mosca

Ih, si fussi ’na mosca che bellezza! Vorebbe fatte tanti mai dispetti da fattece riduce verde e mezza, da fatte mozzicà li ginocchietti. Tu, quanno me pòi dà...

Er porco e er somaro

Disse er porco ar somaro: – Sei un cojone! Lavori tutto quanto er santo giorno senza avé tempo pe’ guardatte attorno e sei trattato a córpi de...

Dichiarazione

J'ho chiesto amore… È diventata rossa, m'ha guardato… m'ha fatto un sorisetto, poi co' 'na grazzia tutta sua e 'na mossa che m'è ballato er core drento...

La loggica der padron de casa

So’ stato a baccajàne dar padrone de casa che, lo sai, m’ha ricresciuto. Avessi visto co’che suggizzione, Peppe, quell’omo lì m’ha ricevuto! – Lei – dice – avete...

Povero Checco

Ha fatto bene d’ammazzà su’ moje cor un’accetta e de tajalla a sbrani. Tu me capischi be’, semo romani, e s’uno mena indove coje coje. Io farebbe lo...

Chi ce sarverà!

Roma se sveja, immerza ner chiarore d’un sole stanco, pallido e svojato. Er notizziario già l’ha sentenziato: comincia un antro giorno de dolore.   «Invocamo Gesù, nostro signore» esorta don...

A casa comanno io

Come sarebbe a dì? Me fa piacere si me venite a tròva, santiddio, a casa mia comanno ancora io puro si ciò ’na moje brigadiere. Nun c’è trippa...