13.6 C
Roma
venerdì, Ottobre 7, 2022

Mi’ moje

Mi’ moje è un esemplare de bontà, però cià la mania de contraddì’: si so’ stanco e nun parlo,ho da parlà’ e si parlo cià sempre da...

Gigi è arivato

Sente bussà a le cinque de matina. San Pietro sbuffa e se tocca la barba. Mezzo assonnato, a lui poco je garba arzasse presto, ché la notte...

Dar confessore

– Padre, ho peccato. – Quante vorte è stato? – Tutti li lunedì: so’ parucchiera, chiudo er negozio e opro la cerniera. Capisce quer che intenno, sor...

Nun se capimo

Guarda si che ber modo de parlà che cianno ’sti giangurdi maganzesi; sentime, presempio, li francesi: pe’ ditte no, te dicheno neppà! Pe’ ditte a...

Natale de Roma 2773

Er giorno abbraccia Roma capitale che mette un’antra tacchia ar calendario. Se pò addoprà er medesimo frasario pe fà l'auguri a ’sta città immortale?   Ma nu’ me pare...

Er dialogo

– Papà, lo vedi er monno che schifezza? – Lo vedo, fijo mio, e ciò un magone! Me so’ ridotto a la disperazzione: ’ndò...

A le romane

Romanucce de Roma! Tortorelle! Sprinze, paciocche, picchie e traccagnole, bionnine, more, ciuche e toppacchiole, zitelle, maritate e vedovelle; che sete arilucente più der sole e più friccicarelle de le...

Dialetto nostro

Ho inteso dì da un omo de dottrina ch'er dialetto romano passa e more, che nun se parla più co' quel'amore de li tempi de Belli, Checco...

Vesterne a l’italiana

Er vesterne ched’è? ’Na sparatoria indove tutti moreno ammazzati e certe vorte vengheno impiccati mentre che lo sceriffo ce va in gloria. C’è poi er salone indove co’...

La morale de sempre

Jeri passavo giù pe’ Tordinona quanno ho visto pe’ tera un portafojo, gonfio lo stesso a Nena la panzona, co’ sopra aricamato un quadrifojo. Io, che campo tra...