27.2 C
Roma
martedì, Luglio 7, 2020

La sorte de l’agnello

L’abbacchio, ossia l’agnello, si volete, è simbolo d’amore e fratellanza; lo dicono perché, come sapete, è tanto bòno: sì, ma pe’ la panza. È ’na bestiola docile, credete, senza...

Anima in pena

De me nun ciai bisogno e io ce credo, anzi me sa che nun te frega gnente. Questo è er concetto che me viè a la...

Storiella d’oggi

Claretta finarmente è grannicella, la madre se la guarda co’ tremore: – Hai da stà attenta, – dice – cocca bella, ché ’sto monnaccio è tanto traditore. Quann’esci...

Er teatrino

Quanno la «tela» variopinta e bella viè ritirata come da ’na molla, s’affaccia a la ribbarta Purcinella. E dopo varie mosse e buffonate cor compare ce nasce poi...

La «palestra dei lettori»

Si te sentissi d’esse un po’ poeta, la «palestra» t’insegna pe’ davero, te dà bòni consiji, dice er vero precisanno da l’a sino a la zeta. A datte...

Pietà pe’ la Pietà

Sémo arivati a questo, mamma mia: a salì su l’artari e, a martellate, sfreggià le statue sante e venerate frutto d’ingegno ardito e de poesia. Co’ le fattezze...

Er manicomio

Mo l’òmo più baccaja, più s’ostina, più credo sappia meno a quer che ambisce. Lui vive ne’ la solita manfrina de dì che viè sfruttato e che...

Acque minerali

Appena che ho saputo dar giornale che un’acqua minerale era inquinata ce so’ rimasto veramente male, è stata ’na notizzia inaspettata. Pe’ via de ’na reclame colossale credevo a...

La strage de l’innocenti

– Su, svejete, Giusè, svejete, lesto! – Ched’è? Chi sei? Che vòi? – Me manna Iddio. – Che m’ordina er Signore, angelo mio? Dimmelo, mentre m’arzo e...

Er temporale

Mentre sognavo che sonavi, ar piano, un motivetto anonimo e irreale come d’un brontolio cupo e lontano, de botto m’ha svejato er temporale. Ar buio t’ho cercata co’...