13.6 C
Roma
venerdì, Ottobre 7, 2022

Ar poveta d’oggi

’N amico mio scribacchia a tutte l’ore solo p’ariccontà tribboli e pene; poi recita, pe fà tremà le vene, er pezzo forte: l’inno der...

L’impiegato municipale

Entra a’l’ufficio, tutto affaccennato, se sdraia un tantinello sur divano, poi s’asciutta er sudore ch’ha buttato e dà ’na scorsa ar «Popolo Romano». E, quanno...

La socetà de li conzumi

La socetà der monno occidentale ha sficato ricchezza a sazzietà, ma a quarcuno sto scialo nun je va perch’è fijo der boja capitale. Magara sto sistema è un...

Er gioco de rulette

Ammazzete che boja la rulette! Te fa pijà ’na voja intorcinata finché te butti: diecimila ar sette e ar zero venti; mamma che accoppiata! La palla parte e...

Ar teatro Costanzi

Che vôi vedé’! Figurete che ancora io me ce sento er rosichino drento: davanti a me ce stava ’na signora cor un cappello ch’era...

Poeta ce se nasce

Esse poeta è un dono de natura: sì, un dono che s’ottiè quanno se nasce: l’estro te s’intorcina ne le fasce e cresce insieme a te co’...

M’hai detto: canta!

M’hai detto «Canta!» e canto; ma nun sai che de li canti mii nun c’è più stima? Passò, passò quer tempo (e come mai?), forse nun sarò...

La serva infrancesata

Voi conoscevio, no, la sȏra Agnesa che agnede in Francia ne’ l’ottantatrè? ’Mbè ’, è rivienuta, ha uperto un ber caffè e tiè’ ’na casa al largo...

Li consiji de la madre

– St’attenta fija mia, st’attenta fija, quanno che sorti assieme a Sarvatore, ricordetelo sempre che l’onore perso una vorta poi nun s’aripija. Da’ retta a mamma tua che...

San Giovanni

D’origine africana l’omo-pesce babilonese Oannes dio marino Johannes, Ea, Giovan Battista, Giona; lo straniero antidiluviano. Er patriarca Enoch fu rapito in celo da gli Oannes o Osannini; so’ angeli li...