14.5 C
Roma
venerdì, Novembre 22, 2019

L’olivaro

Mo puro l’olivaro s’è aggiornato: pe’ quanto va cor secchio o concolina, lo vedi de marcià’ motorizzato e presto viaggerà co’ la «bianchina». Er secchio lo riggira, lo...

L’amore

L’amore è sempre bello: da vicino, da lontano, in finestra, pe’ le scale, a casa (e, si c’è mamma, poco male: abbasta che je...

Via Giulia

Là ’ndove er Fiume fa l’ansa barocca, ne l’ordito de case a nido d’api, là da li Fiorentini ce s’imbocca la strada Giulia: er...

Facebbucche

– Se pò sapé perché nu’ je la dai? St’amiche mie, porelle, so’ sconvorte: te l’hanno chiesta ottantasette vorte! Abbasta un clicche, nun te...

Da ponte Vittorio

Er celo stigne addietro ar Cuppolone e l’ombra smorza l’urtimo bajore che friccica sur Tevere che score. Rimbomba da San Pietro er campanone. Er ponentino...

Er Tevere

’Sto fiume nostro è un fiume raro assai che n’ha viste de tutti li colori: mò so’ dumila anni e più ch’ormai passa qui tra le gioie...

L’ammantata

No no, fata mia bella. Un’emozzione compagn’a ieri nun l’ho mai provata, a vedette passà, cusì ammantata, tra l’ammantate de la processione. Che dorcezza de...

A le romane

Romanucce de Roma! Tortorelle! Sprinze, paciocche, picchie e traccagnole, bionnine, more, ciuche e toppacchiole, zitelle, maritate e vedovelle; che sete arilucente più der sole e più friccicarelle de le...

Povero Checco

Ha fatto bene d’ammazzà su’ moje cor un’accetta e de tajalla a sbrani. Tu me capischi be’, semo romani, e s’uno mena indove coje coje. Io farebbe lo...