Gita scolastica

Nel rispetto degli impegni sottoscritti nel progetto di collaborazione con le scuole della capitale, vengono qui segnalati giovani autori scelti tra gli alunni degli istituti di istruzione secondaria superiore.

La campagna mia

Solamente in campagna conoscemo chi semo e framezzo a quer verde ritrovamo la gioia che rallegra la mente, mentre er tempo trascore, se pò...

La città indò so’ nata

Te ricordi com’è cominciata? Come Roma è stata fondata? ’Na lupa sarvò du’ gemelli: Romolo e Remo ch’ereno fratelli. Ma in tutt’e due ce...

La primavera

La primavera è arivata e l’aria de l’inverno se n’è annata. Così me sento un friccico ner còre: dev’esse la staggione de l’amore.

Quanno me svejo

Quanno sona la sveja, me tocca arzamme pe forza. Er sonno me se magna! Me schiaffo de corza ar bagno a lavamme er viso ...

Roma

Roma è un’incantevole tempesta! Nun te scordà ch’è stata sempre questa tra tutte le città che nu’ ne vargheno nemmeno la metà. Roma cià ’na...

Giorni de festa

Li giorni de festa so’ arivati e tutta la famìa s’è riunita; li piatti già so’ stati preparati da nonna che sta lì, come...

La campagna è bella

La campagna è bella e meravijosa, ma soprattutto è poco caciarona! Piena de prati e de stradine e de campi senza fine. La campagna...

Er pupone

In d’una classe piena de pischelle sorteno fòra du’ anime gemelle legate da un medesimo destino: se deveno accollà le sorti d’un bambino. Cià...

’Na magnata in tante lingue

Ciamanca poco a Pasqua e finarmente tra quarche giorno inizzia la vacanza e tutti oprimo l’ovo ar cioccolato e lo magnamo, come vò l’usanza. ...

Divagazzioni campagnole

Appena vado for de Roma mia sento un profumo che me porta via: comincio a respirà quell’aria pura ner verde che je fa d’acconciatura. Insomma...