Casetta mia

41
di Giulio Landini

Tra vicolo dell’Oro e Consolato
c’è ’na casetta che ce fa cantone,
una vecchia casetta de l’urione
a dì poco der secolo passato.

Ma si ne parlo c’è la su’ raggione
perché da regazzino ciò abbitato,
anzi è propio lì drento che so’ nato
e a rivedella me fa commozzione.

Ogni vorta che passo pe’ ’sta via
me fermo pe’ guardà ’na finestrella
indove s’affacciava mamma mia,

mamma, che già da un pezzo l’ho perduta;
ma a me me pare sempre de vedella
che sta lassù affacciata e me saluta.