Buciarda

286
RUGANTINO n. 12924 del 17 gennaio 2012
di Umberto Mander

Ho visto Lutugarda a le Muratte:
da bionda ch’era mo s’è fatta mora;
adesso è diventata ’na signora:
marcia in visone, nun va più in ciavatte.

A forza de riggiri e de buatte,
finta de drento com’è finta fòra,
ha trovato er minchione che l’adora
ma, per fortuna, cià le cataratte.

Quante se n’ha da beve, poverello,
ché nun pò mai sapé ’na cosa vera.
Lui cià sempre ’na spina ner cervello

perché nun saprà mai da Lutugarda
si è più buciarda quanno ch’è sincera
o più sincera quanno ch’è buciarda.