Boccuccia ciuca

66
di Memmo Bernabei

Bocca de fȏco tanto mai grazziosa,
che quanno t’opri e ridi pari un fiore;
boccuccia ciuca, ciuca assai odorosa
fatta sortanto pe’ parlà d’amore.

Boccuccia assai più fresca de ’na rosa,
che quanno t’opri e parli, qui inder cȏre,
me metti un nun so che, ’na certa cosa
che me stranisce e che me dà dolore.

Me piaci tanto pe’ quela mossetta
sciarmante, fumantina che je dai:
de più me piaci perché sei ciuchetta.

Anzi, pe’ questo solo me c’incanto;
però dico tra me: – Ma come fai,
accusì piccoletta, a magnà tanto?