Auspicata a Berlino la sovranità europea

34

Svolta all’Avana: Miguel Diaz-Canel, dopo la quasi unanime elezione da parte del parlamento unicamerale, è il primo capo di stato dopo i Castro ed è nato dopo la rivoluzione del 1959. Emmanuel Macron, in conferenza stampa con Angela Merkel, dichiara a Berlino che nessuna unione monetaria potrebbe sopravvivere senza elementi di convergenza: questa convergenza ancora non c’è, mentre quello di cui abbiamo bisogno è una sovranità finanziaria ed economica. Tel Aviv festeggia il settantesimo anniversario del giorno dell’indipendenza con una parata aerea sotto gli occhi di migliaia di israeliani; nel palazzo presidenziale di Gerusalemme, nel corso di una cerimonia con le più alte autorità, il presidente Reuven Rivlin insignisce un centinaio di soldati con riconoscimenti di eccellenza. Il sindaco leghista di Novara nega il patrocinio alla manifestazione dell’orgoglio omosessuale definendola una inutile ostentazione. Di tutt’altro avviso il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle, che prendono posizione contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sul genere, trattandosi di una questione di diritti umani fondamentali. L’occasione è quella del forum giovanile del Commonwealth del quale fanno parte 53 paesi, 36 dei quali puniscono ancora l’omosessualità come un reato. Il consiglio di amministrazione della biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, ha deciso di attribuire il leone d’oro alla carriera al regista David Cronenberg: la proposta era stata avanzata da Alberto Barbera, direttore della settantacinquesima mostra internazionale d’arte cinematografica in programma dal 29 agosto all’8 settembre.

Lillo S. Bruccoleri