Arzura

11
RUGANTINO n. 12949 del 10 luglio 2012

di Bruno Fiorentini

Che bafa! Che callaccia! È un giorno tosto
e semo ar primo assaggio de l’istate.
A lujo che sarà? Che sarà agosto?
Già me le sento addosso le fiarate.

Nun c’è requie dar callo, vado o sosto;
la fronte gronna e butta giù secchiate;
li serci so’ de brace per l’arosto;
smanio tutta la notte e dormo a rate.

Nun c’è speranza poi che muti l’aria
e pò durà così pe giorni e giorni…
Intanto chi l’aregge sta barbaria?

Der «ponentino» a sera nun c’è traccia:
benanco er fiato è un alito da forni,
nun ci rimane che soffiacce in faccia.