Ar Metropolitano illuso

18
di Er dialetto

Nun t’hai da illude, caro sor Puzzetta,
che, si vòi navigà come se deve
ner mar der verzo adocche, devi beve
er sugo che proviè da ’sta ricetta:

si ciai chi te conzija, daje retta;
armete de modestia e, a falla breve,
sappi che Mastro Titta e Peppe er Greve
scriveno robba che nun è robbetta.

De Checco er Ghicio se pò dì l’istesso,
pe nun parlà de Giggi e de Righetto:
è tutta «gentarella» de successo.

Ammetto che sia troppo puntijosa,
ma a quelli come te, già te l’ho detto,
je pò inzegnà deppiù de quarche cosa.