Ar Metropolitano bisogna dà ’na mano

21
di Giggi de Tormarancio

Nun c’è bisogno d’esse professore
né serve de ricore a la finzione
pe riconosce er vero somarone
che cerca de spacciasse pe scrittore.

Perfino un sempricissimo lettore,
che legga co la debbita attenzione,
sa ritrovà ner verzo l’emozzione
d’un ber tramonto d’oro o un prato in fiore.

Ma tu, siccome avanti er dono raro
de procurà trafitte a la corata,
più che poveta pari un macellaro.

Però te vòi ravvede e questa è bella;
defatti ne la prossima puntata
te tratterò co meno cojonella.