Amori perduti

49

Lavinia da quann’era adolescente
cercava de conosce er «grande amore»
che je facesse batte forte er còre,
un còre tanto giovane e fremente.

Così visse du’ storie stravorgente,
prima co Sergio, poi co Sarvatore:
du’ storie che causarono un dolore
che aveva da duraje eternamente.

S’arinfrancò in tre giorni da la botta:
s’innammorò de Franco, ma er marpione
se comportò da fìo de ’na mignotta.

Così venne Giammarco, Fabbio, Ermanno;
ma ognuno fu un indegno farfallone.
E lei, delusa, ancora va cercanno.