Abbasta er penziero

42

Benanche ho scavallato l’ottantina
ciò ancora quarche preggio ben riposto,
prova ne sia che so’ gajardo e tosto
in grado de zompà la cavallina.

Però nun piace tanto a Crementina,
che seguita a spiamme d’anniscosto.
– Tu ciai quarche rotella fori posto! –
me strilla co ’na grinta levantina,

solo perché ’na gamba me fa male:
soffro d’artrosi e devo avé pazzienza
si ho da combatte co la cervicale.

Rimpiagno l’abbuffate e le bevute:
ciò la renella, eppoi l’incontinenza;
ma, cor penziero, schioppo de salute.