A cavacecio de la fantasia

195
RUGANTINO n. 12910 del 11 ottobre 2011
di Luigi Torini

Me guardo ne lo specchio e vedo un tizzio
che porta settant’anni sur groppone;
appizza l’occhi e fa: – Nun ciài giudizzio,
stai sempre a scrive, che soddisfazzione!

Te potresti levà qualunque sfizzio:
vatte a vedé l’America, er Giappone,
nun fa’ er poeta, levate sto vizzio,
tu nun sei nato co la vocazzione.

– Ahò, – j’ho detto a quello de lo specchio –
che mo cominci a famme er sor saputo
e sputi le sentenze come un vecchio?

Io so’ un drogato de la poesia,
ce vado pe ’gni sito sconosciuto
a cavacecio de la fantasia.